Da Campo dell’Osso al Monte Autore

Quando si raggiunge la sua vetta, Roma è già scomparsa da qualsiasi orizzonte. La Capitale e la sua caotica urbanizzazione sembrano infinitamente distanti. Eppure il Monte Autore, terza montagna per altezza dei Monti Simbruini è il punto più alto della provincia di Roma, con i suoi 1.854 m s.l.m.. Ci troviamo nel Parco Naturale Regionale Monti Simbruini, una tra le più grandi riserve naturali del Lazio. Un’area spiccatamente carsica e dalle abbondanti precipitazioni, come l’origine del nome, sub imbribus, “sotto le piogge”, ricorda.

Partendo dalla località montana di Campo dell’Osso, uno dei simboli di quel boom turistico che interessò l’area negli anni sessanta, ci immergeremo in una suggestiva faggeta, incontrando ogni tanto qualche dolina, segno tangibile delle proprietà carsiche del terreno.
Lasciato il limitare dei boschi, saliremo quindi fino alla vetta del Monte Autore, dove due croci si affacciano su un panorama a 360° immerso nel verde delle montagne e delle valli intorno. Ovunque guarderemo vedremo solo i colori della natura, l’unico “rumore”, quello del vento, in un colpo d’occhio intenso.

L’escursionista e pittore ottocentesco Enrico Coleman, ricordava così l’emozione dalla vetta: “il panorama dalla cima, come tutti i panorami, non si può descrivere e neanche dipingere dirò solo che vediamo tra le nubi temporalesche, tutto l’Appennino Centrale; il Terminillo il Gran Sasso, il Velino e la Pianura di Fucino; poi più vicino il Tarino e altro ancora.”

Lasciata il Monte, ritorneremo a Campo dell’Osso per il sentiero le “Vedute”, che si affaccia quasi a strapiombo sulla vicina Valle del Simbrivio da una parte e dall’altra fiancheggiato dalle faggete.

Storia

Alle pendici di una parete rocciosa del gruppo montuoso del monte Autore (Colle della Tagliata, raggiungibile dalla cima) si trova un piccolo santuario che da secoli attira pellegrini: il Santuario della Santissima Trinità di Vallepietra.

Dalle origini ancora incerte, lo stile orientaleggiante degli affreschi fa ritenere da alcuni storici che l’origine sia legata all’arrivo di monaci e migranti dall’Impero Romano d’Oriente nell’area (come il vicino paese di “Cappadocia” sembra indicare).

La particolarità custodita al suo interno è proprio un affresco databile al XII° Secolo, dove sono raffigurati Padre, Figlio e lo Spirito Santo con lo stesso identico aspetto, posizione, espressioni e caratteristiche, a simboleggiare quindi la Trinità. Rispetto alle soluzioni artistiche e raffigurative utilizzate dai pittori e artisti, quella qui presente è senza dubbio una delle più inusuali e particolari, quasi unica; tanto da essere sede di pellegrinaggi dal Lazio, Abruzzo e Campania.

L’area stessa, inoltre, risulta già essere frequentata in epoche ancor più remote, visto il ritrovamento di reperti neolitici e resti di epoca romana (sullo stesso Monte Autore, risultava presente un luogo di culto romano).

Galleria
Scheda tecnica

Valutazione
Facile – Media

Dislivello in salita
+320 metri

Appuntamento
Ore 10:00 – Piazzale Campo dell’Osso (RM)

Lunghezza
9 km

Dislivello in discesa
-320 metri

Trasferimenti
Mezzi propri
Passaggio (su richiesta)

Percorso
Doppio Anello + A/R

Quota massima
1855 m s.l.m

Note

Durata
Intera giornata

Quota minima
1540 m s.l.m

Guida
Rodolfo Silveri

Equipaggiamento
  • Scarpe basse con suola scolpita o scarponcini da escursionismo.
  • Zaino a partire da 20 litri.
  • Borraccia e/o thermos a partire da 1 litro.
  • Bastoncini da escursionismo.
  • Abbigliamento a strati comodo ed adatto alla stagione.
  • Cappello e guanti.
  • Frutta essiccata o secca e/o pranzo al sacco.
  • Sacchetto per lo smaltimento dei rifiuti.
  • Kit di primo soccorso e telo termico.
  • Mascherina e gel disinfettante nel rispetto delle norme anti Covid.
  • Spilla e tessera Altour (consegnate gratuitamente alla prima attività).

Contattaci per qualsiasi consiglio sul tuo equipaggiamento

Quota individuale

Fino ai 5 anni: gratis
Dai 6 ai 17 anni: 10 €
Oltre i 18 anni: 25 €

Cosa comprende:
L’accompagnamento guidato e l’assicurazione RCT

Numero partecipanti:
Fino ad un massimo di 16

Prossima escursione: DOMENICA 03 LUGLIO 2022